Disturbi muscolo-scheletrici lavoro correlati: Raccomandazioni per l’implementazione dei corsi post-laurea presso le Università Europee

Pablo Bellosta-López, Priscila de Brito Silva, Palle S. Jensen, Morten S. Hoegh, Thorvaldur S. Palsson, Steffan Wittrup Mc Phee Christensen, Julia Blasco-Abadía, Javier Belsué Pastora, Pedro L. Berjano, Francesco Langella, Daniele Vanni, Víctor Doménech-García

Publikation: Bog/antologi/afhandling/rapportBogFormidling

65 Downloads (Pure)

Abstract

Storicamente, il ruolo dei professionisti specializzati in salute e sicurezza sul lavoro (SSL) è emerso dalla necessità di proteggere i datori di lavoro che lavorano nelle industrie a maggior rischio come le centrali nucleari e le industrie chimiche su larga scala in Europa. Più di recente, alcuni studi hanno evidenziato che la gamma di attività legate alle responsabilità di gestione della sicurezza include monitoraggio e preparazione di rapporti, ispezioni e audit, conformità normativa, risposta alle emergenze, indagini sugli incidenti, valutazione dei pericoli e dei rischi e formazione. Inoltre, ci sono alcuni obblighi supplementari non relativi alla sicurezza, come l’inclusione della responsabilità ambientale. Considerando che i disturbi muscoloscheletrici legati al lavoro (WRMD) rappresentano un grave onere in tutto il mondo, con un totale di 1,3 miliardi di casi, oltre 100 milioni di anni di perdita di anni di vita adeguati alla disabilità e che tali disturbi sono cause comuni di disabilità e congedo per malattia, questo argomento è molto importante per i professionisti (SSL). Negli Stati membri dell’UE per i quali sono disponibili dati, la grande maggioranza di tutti i lavoratori considera i disordini muscoloscheletrici come i problemi di salute più gravi legati al lavoro. La percentuale di lavoratori che segnalano tali disturbi come il proprio problema di salute più grave, varia dal 40% in Lussemburgo al 70% nella Repubblica ceca e in Finlandia. Inoltre, più della metà dei lavoratori con disturbi muscoloscheletrici ha riferito di essersi dovuti assentare dal lavoro (almeno una volta) in un periodo di 12 mesi. Nell’UE, il 26% dei lavoratori affetti da disturbi muscoloscheletrici presenti da lungo periodo, ossia con durata superiore a 3 mesi, insieme ad altri problemi di salute, segnala più di 8 giorni di assenza all’anno. Gli istituti di istruzione superiore (HEI) hanno un ruolo chiave nella diffusione e nell’aumento dell’accessibilità alle evidenze più aggiornate e recenti disponibili, relative all’impatto e la gestione dei disturbi muscoloscheletrici, per facilitare la diffusione delle conoscenze nella gestione pratica. In questo modo, la “Knowledge Alliance di Prevent4Work” per la prevenzione dei disturbi muscoloscheletrici correlati al lavoro ha elaborato questo documento con le conoscenze più recenti e pertinenti sull’argomento. Gli istituti di istruzione superiore che offrono corsi nell’ambito della SSL, nonché i corsi di laurea e post-laurea per professionisti sanitari che lavorano nel settore, possono beneficiare delle raccomandazioni qui presentate.
OriginalsprogItaliensk
ForlagPrevent4Work
Antal sider33
DOI
StatusUdgivet - 2021

Bibliografisk note

Italiensk oversættelse af "Recommendations for implementation of the topic musculoskeletal disorders in the occupational health and safety postgraduate programmes at European Universities"

Citationsformater